Igiene dentale: cos’è e a cosa serve

Igiene dentale: cos’è e a cosa serve

Prenditi cura dei tuoi denti. Quante volte ce lo sentiamo dire, ma poi finiamo per trascurarli? L’igiene dentale dovrebbe essere un’abitudine per tutti, perché consente di prevenire carie e malattie paradontali. Ma, a differenza di quanto si possa immaginare, non riguarda solo l’azione di lavarsi i denti. C’è molto di più da sapere.

Mantenere la bocca, i denti e le gengive puliti e sani richiede un po’ di impegno e costanza da parte tua. Tuttavia, dovresti affidarti anche all’assistenza professionale del dentista o dell’igienista dentale. Una pulizia periodica dei denti, infatti, è importante per rimuovere la placca, poiché può accumularsi nonostante i tuoi sforzi. Se non rimossa bene, finisce per stratificarsi e trasformarsi lentamente in tartaro: un deposito resistente che solo l’intervento del dentista può rimuovere.

Dunque, è evidente che prenderti cura dei tuoi denti sia importate, ma in cosa consiste l’igiene dentale? Quali sono le abitudini e le tecniche che puoi mettere in atto per prevenire eventuali problematiche? Scaviamo più a fondo e togliamoci qualche dubbio.

Igiene dentale a casa: come pulire i denti

Igiene dentale cos’è e a cosa serveIl benessere del cavo orale è spesso sottovalutato, finché il dente duole e il dolore diventa incessante e insopportabile. Ma ormai è troppo tardi. Ecco perché l’igiene dentale personale deve rientrare nella tua routine domestica. Un’azione abitudinaria e svolta nel modo corretto ti permette di evitare malattie parodontali, oltre a farti risparmiare sulle spese dentistiche. Due sedute di igiene dentale all’anno saranno sempre meno dispendiose degli interventi dovuti a carie, otturazioni o perdite di denti.

Qual è dunque la corretta procedura per prenderti cura dei tuoi denti quotidianamente? Innanzitutto ci sono alcune regole da seguire e strumenti da avere sempre a portata di mano. Vediamo di che si tratta.

#1 Uso corretto dello spazzolino da denti

Tutti sanno lavarsi i denti, o almeno così crediamo, ma non basta spazzolarsi i denti per pulirli bene. Ciò che è importante è il movimento che esegui, deciso ma delicato, perché l’azione non risulti aggressiva:

  • dopo aver inumidito le setole, posizionale a 45 gradi sulla gengiva a contatto con il dente;
  • prima di iniziare a spazzolare fai dei piccoli movimenti vibratori in modo da disgregare la placca batterica;
  • inizia quindi a compiere movimenti circolari unidirezionali. No a movimenti orizzontali che oltre a non rimuovere lo sporco, danneggiano in maniera irreversibile la gengiva e lo smalto;
  • a questo punto spazzola bene per circa tre minuti, partendo dalle superfici esterne, passando a quelle interne e concludendo con le superfici occlusali;
  • presta attenzione ai lati interni dei denti incisivi, che sono i più difficili da raggiungere, per questo ricordati di orientare lo spazzolino in posizione verticale.

In commercio ci sono vari tipi di spazzolini che si differenziano a seconda delle setole: extra morbido, morbido, medio, duro. E poi, ci sono spazzolini manuali o elettrici. Fare la scelta giusta è difficile. Per qualsiasi dubbio, durante la tua seduta di igiene dentale professionale, l’igienista ti saprà indicare il modello più adatto alle tue esigenze.

Infine, ricordati che lo spazzolino non è eterno. Cambialo ogni 3 o 4 mesi.

#2 Filo interdentale: il distruggi placca

Dopo aver spazzolato i denti per almeno tre minuti tocca al filo interdentale.

Molti si spaventano alla vista del sangue, ma questo significa che c’è un’infiammazione. E proprio un accurato utilizzo del filo interdentale riduce il sanguinamento delle gengive. Infatti, ti permette una pulizia precisa tra dente e dente, lì dove iniziano le malattie gengivali. La sua azione frammenta e rimuove in modo meccanico la placca che si accumula.

Usare il filo interdentale può sembrare ostico, soprattutto se non siamo abituati. Ecco perché durante la seduta di igiene c’è un momento dedicato alla spiegazione di come utilizzarlo in modo corretto.

#3 Lo scovolino, questo sconosciuto

Se il filo interdentale è stato sdoganato, l’utilizzo dello scovolino risulta ancora sconosciuto ai più. Si tratta di uno spazzolino costituito da filamenti di nylon morbidi e di diametri diversi, intrecciati a un sottile filo di acciaio inossidabile.

Non si tratta di uno strumento di tortura. Anzi, lo scovolino può rimuovere più placca rispetto al filo interdentale. Anche in questo caso, sia la tecnica corretta di utilizzo che il diametro appropriato vengono indicati dall’igienista durante la seduta di igiene dentale.

L’utilizzo corretto dello spazzolino, tre volte al giorno, e il passaggio di filo interdentale e scovolino, almeno una volta al dì, sono fondamentali per la cura dei denti. Ma dove non arrivano questi strumenti è necessaria una pulizia professionale.

Infatti, oltre a eliminare placca e tartaro con strumenti professionali, durante la seduta è previsto anche un controllo del cavo orale. Un vero e proprio check-up per verificare lo stato di salute dei denti ed evitare sorprese.

Pulizia dei denti professionale: i benefici

Igiene dentale ogni quanto farlaPer quanto la tua precisione e costanza nel lavarti i denti possa essere minuziosa, la seduta di igiene dentale ti offre una pulizia più approfondita. Prenderti cura dei tuoi denti quotidianamente è necessario, ma non basta. Vediamo quali sono i vantaggi offerti dalla pulizia dentale:

  • rimuove completamente placca, tartaro e aggregati batterici, non si limita a eliminare le concrezioni di tartaro solo sulla superficie dei denti. La sua azione va in profondità, nelle zone difficili da raggiungere anche con filo e scovolino, negli spazi interdentali e nella zona sub-gengivale;
  • previene la formazione di carie, gengiviti, pulpiti e di malattie parodontali che, se trascurate, possono portare alla perdita dei denti, come la piorrea;
  • sbianca i denti gialli, toglie le macchie e li rende lucidi e smaglianti;
  • oltre a essere un efficace rimedio contro l’alitosi, la previene, proprio come per il sanguinamento gengivale;
  • riduce l’ipersensibilità dentinale, rinforza e irrobustisce i denti;
  • previene il problema della recessione gengivale causato dal deposito di tartaro nei colletti gengivali.

Non di sola estetica si tratta: certo, un sorriso sano e bello è piacevole da mostrare e da vedere, ma l’igiene orale è una procedura preventiva. Mantiene la salute della cavità orale, dunque non solo dei denti, ma del tessuto gengivale, osso e dei legamenti parodontali.

Igiene dentale: una bocca sana per un sorriso meraviglioso

Pulizia e sbiancamento denti per l’igiene dentaleL‘igiene dentale è necessaria per preservare la salute dei denti e della bocca. Tutte le attività di pulizia e prevenzione che abbiamo visto insieme, ti aiutano a evitare carie, gengiviti, parodontiti e altri disturbi dentali. Oltre a prevenire anche l’alitosi, che è spesso un problema molto imbarazzante.

Anche se fai un ottimo lavoro nel lavarti i denti e sei maniacale nell’uso del filo interdentale, hai comunque bisogno di una pulizia professionale. Gli igienisti dentali utilizzano tecniche e strumenti speciali che consentono un’igiene orale accurata e completa. Sarebbe impossibile farla da soli a casa.

Sappiamo che ne sei consapevole e sappiamo anche quanto sia difficile trovare il tempo e la spinta emotiva per andare dal dentista. Siamo tutti uguali. Finché non sentiamo dolore, pensiamo di poter tirare avanti. Ma la prevenzione è sempre lo strumento migliore, perché ti permette non solo di mantenere in salute bocca e denti, ma anche di risparmiare denaro.

Prenditi cura dei tuoi denti. Fissa un check-up professionale, ti aspettiamo nel centro odontoiatrico EasyDent, presso il Centro Commerciale Cormano. Scegli la nostra professionalità, le tecnologie innovative e una politica di prezzi contenuti nel rispetto della massima qualità. Andare dal dentista può essere un’esperienza rilassante e sicura. Mettici alla prova.